Eventi storici

Arrigo VII

La ricerca storica e la  rievocazione degli eventi piu’ importanti che hanno contribuito    a caratterizzare una comunita’ e il suo territorio, non e’  mai una semplice rappresentazione, ne’ tanto meno una   festa popolare dal sapore folkloristico. Ricostruire un evento storico presuppone una ricerca filologica, uno studio approfondito dei fatti, un amore per la materia che si traduce  in un modo concreto di fare cultura.Sfogliare virtualmente le pagine di un libro di storia insieme agli studenti delle scuole primarie, medie e superiori coinvolgendoli nella creazione del logo di Arrigo  che caratterizzera’ ogni fase dell’evento, vuol dire avvicinare  la storia della nostra citta’ ai cittadini che quotidianamente attraversano il vicolo delle Chiavi, o alzano lo sguardo verso Poggio Imperiale senza conoscerne gli avvenimenti storici ad essi legati.Ma chi era dunque Arrigo VII o Enrico VII di Lussemburgo  per dedicargli a 700 anni di distanza, un anno intero di festeggiamenti? Era il 6 Gennaio 1313, quando, fra le mura di Poggibonsi, squilli di tromba e rullio di tamburi dettero il benvenuto all’Imperatore del Sacro Romano Impero fuori dalla porta sud, detta di Santa Maria Assunta. Insieme ai dignitari locali fedeli eredi dei ghibellini di Poggiobonizio non erano presenti alla solenne  consegna delle chiavi della citta’ i rappresentanti delle citta’ di San Gimignano, Colle, Certaldo e Siena , ormai tutti di fede guelfa e legati alla potente Firenze . Accettando il dono delle chiavi Arrigo assicuro’ protezione alla citta’ amica , andandosi ad accampare sulla collina  sovrastante la valle dell’Elsa e dando subito inizio ai lavori per il ripristino dell’antica citta’ fortificata e rasa al suolo dai Fiorentini quasi trent’anni prima.Purtroppo gli eventi successivi alla morte di Arrigo VII, avvenuta nello stesso anno nei pressi di Buonconvento, videro i lavori di ricostruzione distrutti per mano dei fiorentini, e il succedersi nei secoli di una serie di eventi che fra distruzioni e ricostruzioni ci ha consegnato la Poggibonsi attuale che, a prima vista, potrebbe ingannare dando l’impressione di essere  una citta’ “moderna”. In realtà la posizione strategica in cui si trovava il vecchio borgo, al centro di uno snodo cruciale della Via Francigena, vide transitare pellegrini, mercanti, re ed Imperatori che dal Nord Europa si recavano a Roma e viceversa. Inutile soffermarsi sull’importanza culturale di questi scambi che hanno lasciato traccia in tutti i settori della nostra vita quotidiana e che , proprio nella rievocazione storica, fedele e puntuale, riescono a trovare un ulteriore aspetto educativo alla riscoperta della nostra identita’. Un modo importante di  guardare al passato  per capire il presente  e programmare un futuro di rinascita. Il programma della rievocazione storica, promossa dall’Aministrazione Comunale di Poggibonsi in collaborazione con molte associazioni locali, fra cui quella degli ” Amici di Poggibonsi” e’ iniziato il 18 Gennaio con la premiazione del vincitore del concorso promosso per la creazione del” logo di Arrigo”, per poi proseguire nei giorni successivi con la mostra dei bozzetti eseguiti dagli studenti, e l’esposizione del plastico che illustra la citta’ dell’epoca .Il programma proseguira’ nei mesi successivi con un  calendario denso di eventi che si protrarranno per tutto l’anno :MARZO:  riproduzione dei vessilli al seguito di Arrigo VII,Aprile/Maggio ” Trekking nei luoghi di Arrigo VII”,19 Maggio “caccia al tesoro “,15 Giugno ” Era un giorno di festa..i rettori delle comunita’ facevano omaggio ad Enrico delle chiavi della nostra fortezza”,16 Giugno ” ad essa Enrico diede l’orgoglioso titolo di Monte Imperiale”,Luglio ” Una notte a Poggio Imperiale”,settembre/ ottobre ” In camper nei luoghi di Enrico VII”,Ottobre  ” Arrigo VII in giro per la Toscana. La viabilita’ nel  1300 e  gli itinerari di Arrigo “,Novembre /Dicembre “Le porte della citta’ al tempo di Arrigo “,Novembre/Dicembre ” Via Monte Imperiale diventa via Arrigo VII”, Dicembre ” canto Medievale”

Antonella Lomonaco